PER L’ILLUSTRISSIMO INGEGNER CAROL EMILIO GADDA TRASFERITOSI DA VIA BLUMESTHIL, MONTE MARIO, AR 219 DE VIA MERULANA SCALA B INT. 5, CHE LA SCALA B C’HA N’ANTRO NUMERO…

di Giancarlino Benedetti Corcos e Laura Rosso

(Immagine: gli attori Patrizia Sacchi e Paolo Zambiasi durante il primo World Toilet Day a Roma)

Ar 219, ar palazzo dell’oro continua la scala a salì e scenne…

continua la gente a chiacchiera’

continuano i pazzi, il popolo albano, a movese inconvulsamente

e quer pasticcio de tanti anni fa, quello de Gadda, oggi s’è trasformato tra una scala e l’altra… confondo sempre la c con la e, s’è trasformato in una signora col labbro riproposto in su col rossetto forte che porta a domicilio er mejo pasticcio de spinaci besciamella o, se voi, broccoletti o zucca, coll’amaretto di Saronno, siccome c’ha bisogno, per arrotonna’… inforca er tramvai dar colosseo quadrato e vie’ da me… Er palazzo se move de sotto e de sopra, de risate, de pianti e voli de piccioni sani e infortunati gabbiani che fischiano.

Tanta gente se lagnava che hanno tolto le latrine o vespasiani… Lì C’è SIRO CHE DICE CHE J’HANNO TOLTO L’URINALE Lì ALL’ANGOLO… CE SE ENTRAVA DA UNA SVISATINA… UN PASSAGGETTO CHE PORTAVA DIRETTAMENTE ALLA LATRINA E POI SE POTEVA USCì COME UN FAZZOLETTO… LUI SALIVA DALLA TOPAZIATA MENEGAZZI O ALTRIMENTI DETTA MENECAZZI… L’AMICA DELLA PRO ZIA MA POI JE DICEVA CHE NON C’AVEVA ER CESSO DRENTO CASA… ALLORA PROVAVA DALLA SORELLA E DICEVA… MA MI SORELLA NUN ME CE MANDA

AR PRIMO PIANO, DOPO LA SIGNORA BALDUCCI, N’APPARTEMENTINO CHE PAREVA DE NO GNOMO ALLA SCALA INT. 5, Lì LA MARIETTA PISCIA IN PIEDI

NELLA STANZA SUA

LEI NUN APRE A NESSUNO COR LAMPADARIO ACCESO AVVETRATO

STA Lì ASPETTANDO

LA LUNA CHE SALGA

E LA CIOVETTA CHE JE DICE

MARIETTINA STAI COMODA

TE VOJO BENE

E NEI CIELI DA COLORI INDECOROSI DE COLORI IRRIVERENTI CHE PAREVANO NA SOTTANA DE NA MONACA, IL CIELO SE TRASPORTAVA VIA TUTTO COME L’ACQUA DELLO SCIACQUONE E TRASPORTAVA TUTTI VERSO QUELLA GRAN PIAZZA COL GIARDINO AL CENTRO, VERSO LA STRADA CHE DA SAN GIOVANNI VERSO LA PORTA ASINARIA CE PORTENO VIA, VERSO LE MONTAGNE ALBANE, ATTRAVERSO QUELLA STRADA CHE NESSUNO CONOSCE…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...