Notizie dai cantieri del Giubileo: quinta puntata

Puzza di bugliolo…

di Maria Spina

Alena Cichanowicz, nel ricordare i duri tempi del dominio sovietico in Bielorussia, scrive: «In Urss i giornali uscivano a milioni di copie, ma i gabinetti pubblici continuavano a mancare. La possibilità di usare la toilette rende l’uomo libero e gioioso, mentre l’impossibilità di accedervi trasforma la soddisfazione di un bisogno in un’esecuzione attraverso il bisogno… Per questo, forse, prigionieri e detenuti vengono di solito privati della toilette […] Nei luoghi dove la gente vive nella paura c’è puzza di bugliolo. Dove sorgono le toilette, spira aria di libertà» (in Filip Modrzejewski, ‎Monika Sznajderman [a cura di], Nostalgia, Bruno Mondadori, Milano 2003, p. 115). Avvicinarsi alle scale del WC in largo di Villa Peretti – compreso anch’esso nel gruppo dei “magnifici 11” da riqualificare e dati in concessione alla Cogeim Spa –, non è impresa da poco. Di fronte al Museo nazionale romano di Palazzo Massimo, ma ben nascosto alla vista, dalla barriera dei box di libri vecchi e cianfrusaglie, costituisce la latrina a cielo aperto di quanti soggiornano nel giardino adiacente o gravitano fra piazza dei Cinquecento e l’Esedra. Quel fetore così penetrante, lungi dal sollecitare un’indagine da parte di tecnici e amministratori, richiama immediatamente alla memoria il bugliolo delle carceri, la mortificazione della gioia di “vivere la città”, lo sperpero di risorse pubbliche perpetrato negli anni dalla cattiva politica.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.