Roma World Toilet Day

di Maria Spina

(Immagine: hetaera nellʼatto di urinare dentro uno skyphos, ceramica a figure rosse, 480 a.C; Staatliche Museum, Berlino)

Al fine di sensibilizzare i cittadini romani sul tema della public toilet, e con l’obiettivo di indurre le Amministrazioni regionale e comunale all’assunzione di impegni di radicale trasformazione in questo settore, anche nel quadro della tutela ambientale e del decoro urbano, EMBRICE 2030 organizza per il 19 novembre 2015 un evento pubblico integrato dal titolo Roma World Toilet Day (RWTD). Tale evento, supportato anche da In/Arch Lazio, dall’Associazione Culturale “Lavatoio Contumaciale”, da World Toilet Organization, Global non-profit e da The Urgent Run, si inserisce nell’ambito delle manifestazioni previste per UN World Toilet Day (giornata indetta con risoluzione dell’ONU del 24 luglio 2013) che si svolgeranno in tredici Paesi del mondo.

La manifestazione prevede fra l’altro:

a) una passeggiata che segua l’itinerario del bisogno/fruizione/accesso del cittadino a gabinetti (e bagni) pubblici di Roma. La passeggiata di circa 2 ore si svolgerà nel centro della città, seguendo parte della mappa che cataloga “vespasiani” e bagni pubblici di Roma sino agli anni sessanta del Novecento. Una passeggiata che evidenzi la trasformazione dello spazio pubblico, la difficoltà dell’accesso e l’impoverimento dei servizi pubblici. Si mostreranno i luoghi in cui esistevano i bagni e dove ora non ci sono più presentando (eventualmente) una proposta;

b) allestimenti con prototipi di bagni in alcuni luoghi emblematici di Roma. Gli studenti (3 per ogni sito), formati da Embrice 2030 con un dossier attualmente in preparazione, riceveranno i crediti formativi, spiegheranno le nuove tecnologie e sensibilizzeranno il pubblico alla problematica;

c) lancio di un bando pubblico per la realizzazione di servizi per la città in aree appositamente individuate. I risultati del bando saranno esposti da Embrice e nelle gallerie che aderiscono al progetto;

d) letture di brani letterari, poesie e opere d’arte che gli artisti hanno dedicato al concetto delle funzioni corporee e divulgazione delle espressioni artistiche più usate per rappresentarle.

L’evento, coordinato da Carlo Severati, è curato da Franca Fabrizi, Alberto Giuliani, Gabriella Restaino, Maria Spina, Emma Tagliacollo e Gian Luca De Laurentiis.

Annunci